Il rifugio urbano firmato Francesca Perani - ISPLORA
Cover

Urban Cabin: abitare in 25 mq

Progetti

25 mq, una sfida: rendere abitabile uno spazio ristretto, tra comfort, design e budget low-cost. Un micro-appartamento progettato da Francesca Perani per una giovane coppia, trasformando il portico di un ex magazzino in un accogliente ed eccentrico “rifugio urbano” ad uso stagionale.

Rifugio urbano

Urban cabin è un micro-spazio concepito come luogo di residenza stagionale o studio, in un angolo della città di Albino (Bergamo) in cui una giovane coppia italo/persiana può rilassarsi nella quiete e nell’intimità, sfuggendo al caos e trovando armonia con la natura circostante.  Un progetto di ristrutturazione millimetrico che parte dal riuso di un ex portico aperto affacciato su un piccolo giardino privato, un tempo utilizzato come magazzino, per il quale l’architetto Francesca Perani riesce ad immaginare una nuova vita: un luogo minimale, uno spazio abitativo dal gusto contemporaneo e ironico, con un piccolo giardino pensile. 



Il nuovo intervento si contrappone alla struttura esistente adiacente, una villa moderna costruita nel 1968 dall’architetto Armen Manoukian e ristrutturata in seguito da Francesca Perani nel 2008, collocandosi come elemento di rottura all’interno del tessuto architettonico pre-esistente.

Architettura ironica

Ironia e vivacità sono gli elementi chiave dell’approccio progettuale utilizzato, un approccio in cui la solennità dell’architettura viene volutamente sdrammatizzata attraverso l’utilizzo di un palinsesto di materiali fortemente caratterizzati seppur low-cost, con colori intensi e pose dinamiche ed eccentriche ed un design che trae ispirazione dalla cultura e dall’arte pop.



L’OSB (Oriented Strand Board, un pannello in legno a scaglie orientate) riveste interamente lo spazio living costituendo un’unica trama sulla quale spiccano, con evidente ironia, elementi di design vintage come le maniglie anni ’60 o il gres effetto marmo utilizzato per il piano cottura.



Un’intensa resina blu lucida, riferimento all'indaco persiano, inonda cromaticamente lo spazio del bagno, dal quale emergono unicamente rubinetterie ed accessori bianchi. Qui, la doccia si adagia lungo la parete esistente in pietra – tinteggiata dello stesso blu – in affaccio sul giardino privato.







Maggiore di 25 mq

Di necessità virtù: spazi limitati, necessità di privacy, dimensioni esigue e budget ridotto non hanno impedito il progetto di uno spazio caldo e accogliente, dove i principi distributivi e le finiture d’arredo sono disegnati interamente su misura.



Flessibilità, dinamismo e multiuso sono i moventi progettuali, per cui un’ampia seduta continua diviene facilmente contenitore e letto, mentre dalle armadiature all’entrata si possono ricavare delle scrivanie. Uno spazio plurimo e multiforme che, percettivamente, definisce usi e possibilità sempre nuove e inaspettate.



Le linee diagonali definiscono il piano della cucina, allargandosi per far spazio al tavolo. Le grandi aperture ripercorrono le linee del portico originale, garantendo un grande ingresso di luce naturale e creando due ampie nicchie in legno che facilitano una conversazione frontale.
Una schermatura brise-soleil esterna in metallo microforato definisce la seconda pelle esterna dell’edificio, invitando all’ingresso e nascondendo la visuale dall’esterno all’interno, creando giochi di luci e ombre nella relazione tra il dentro e il fuori, eco compositiva delle facciate schermate dell’architettura tradizionale persiana.




Tra materiali poveri, pop-art e memorie di storie persiane. Tra ironia, toni eccentrici e misure sartoriali. Per un gesto d’architettura contemporanea capace di insediarsi in nuclei urbani densi, creando una piccola oasi, un rifugio ospitale, intimo e rassicurante.

CREDITS

  • Anno: 2019
  • Durata: 5 mesi
  • Dimensioni: 25 mq
  • Sito: 60 mq
  • Località: Albino, Bergamo
  • Tipologia intervento: Ri-uso di un portico aperto del 1950 / architettura / architettura d’interni / ampliamento 
  • Project leader: architetta Francesca Perani - FPEnterprise
  • Collaboratori: Ilenia Perlotti - Interior designer
  • Architetto jr. tirocinante: Ilaria Odoli
  • Foto: Francesca Perani
  • Styling: Chiara Birolini
  • Illustrazioni: cutoutmix
  • Ingegnere: Roberto Belotti
  • Ingegnere termotecnico: Luca Noris – Progterm
  • Costruttore: Gherardi Giuseppe
  • Schermature metalliche: Valoti Giovanni
  • Decorazioni: Diego Armellini
  • Carpenteria: DueMMe
  • Illuminazione: Due Effe Illuminazione

building

La community ISPLORA.com

Per rimanere in contatto con noi ed essere sempre aggiornati su progetti, materiali e design anche sui nostri canali social.

Entra nel mondo ISPLORA

indietro

Crea un account

Se non hai già un account clicca il pulsante qui sotto per creare il tuo account.

Crea account

Per ricevere crediti formativi riconosciuti dall'AIA (American Institute of Architects) clicca qui.

Crea un account

indietro